Ipertermia

L’ipertermia utilizza due sorgenti di calore, una endogena per riscaldare i tessuti profondi e l’altra esogena per raffreddare gli strati più superificiali. L’effetto più importante è rappresentato dall’incremento del metabolismo cellulare e dei processi riparativi dei tessuti favorendo il recupero articolare e funzionale.